- 4 minuti

Ghost CMS: 5 motivi per sceglierlo e alcune riflessioni

Perché Ghost CMS? Quali funzionalità mi hanno colpito di più

Quando mi sono messo a cercare un Content Management System (scopri cos'è un CMS) per creare tond.it ho subito escluso i più popolari e sono andato alla ricerca di qualcosa di nuovo e che non avevo ancora mai testato.

Le caratteristiche del CMS che cercavo erano:

Avevo pensato di testare ExpressionEngine (giunto alla versione 6.1). Essendo però il CMS che utilizzo a lavoro, ho subito scartato la scelta optando per altro.

Ho valutato tantissime altre opzioni, ma, dopo un paio di settimane di ricerca, raccolta di informazioni e di confronti tra vari CMS ho deciso di provare Ghost e installarlo in locale per effettuare dei test.

La conferma è avvenuta poi anche grazie all'uscita di un video di Giorgio Taverniti, Andrea Dragotta e Salvino Fidacaro proprio sul CMS che stavo valutando.

Ghost CMS è tutto quello che mi serviva per realizzare il mio personal blog, soprattutto con l'uscita della versione 4.0.

La piattaforma offerta da Ghost è realizzata e ottimizzata per la pubblicazione di contenuti. Il CMS è in grado di gestire, senza l'utilizzo di plugin esterni, tutto ciò che va dalla scrittura, passando per la pubblicazione e arrivando infine alla distribuzione.

Fin dai primi test Ghost CMS mi ha dato una bellissima sensazione. È molto intuitivo, veloce ed estremamente focalizzato sulla creazione di contenuti. Niente funzionalità inutili. Proprio quello che cercavo.

5 motivi (più uno) per cui ho scelto Ghost CMS.

  1. L'editor. Minimale, ma completo. Ci sono poi alcune integrazioni molto utili che forniscono all'utente la possibilità di creare qualcosa di molto carino in maniera molto veloce (collegamento con Unsplash, possibilità di inserire del testo in markdown, collegamento con il player di Youtube e molte altre)
  2. Ottimizzato per i motori di ricerca. Ghost CMS è ricco di funzionalità dedicate alle persone attente a creare contenuti ottimizzati. Senza l'utilizzo di  plugin!  
  3. Temi e personalizzazioni. I temi rappresentano la connessione tra la parte tecnica e l'essere umano. Ghost CMS mette a disposizione vari temi (alcuni gratuiti ed altri a pagamento). I temi di base tra cui scegliere sono molto gradevoli alla vista e con design moderni e minimali (la maggior parte). Inoltre sono anche scritti molto bene lato codice.
    Anche la creazione dei temi è resa molto facile grazie ad una documentazione ben scritta. Il tema che vedete è stato da me realizzato ad hoc per tond.it
  4. Newsletter integrata. Dalla versione 4.0, è stata introdotta in Ghost una funzionalità che permette di creare una newsletter, senza la necessità di utilizzare fastidiosi plugin esterni.
    Il sistema permette di gestire una vera e propria newsletter NATIVAMENTE, fornendo all'utente un sistema semplice e pronto all'uso per gestire gli utenti, le newsletter e anche i report. Permette inoltre un grande risparmio di tempo perchè non è necessario quel passaggio di copia e incolla da un sistema all'altro (dal blog al sistema di mailing). Presto sarà possibile iscriversi anche alla mia newsletter per non perdersi neanche un articolo 😜
  5. Sistema di abbonamento (con Stripe). Ghost CMS permette anche di offrire contenuti a pagamento alla propria lista di contatti attraverso il collegamento ad un account Stripe.
    Un utente si trova quindi ad avere la possibilità di potersi creare un sistema come Substack o simile a Medium, in maniera molto veloce, intuitiva (bastano pochi click) e quasi completamente gratuita (c'è da pagare una commissione a Stripe, non a Ghost)
  6. RESTful Content API. Ghost CMS mette a disposizione delle API (Application Programming Interface) che permettono in maniera molto rapida la distribuzione di contenuti che saranno a disposizione di siti web e applicazioni.

6 aspetti da tenere in considerazione quando si sceglie Ghost CMS.

Nonostante i tantissimi aspetti positivi di Ghost CMS ci sono alcuni temi che vorrei segnalare da tenere in considerazione prima di sceglierlo per un tuo progetto.

  1. Ghost CMS non utilizza PHP come la maggior parte dei CMS ma Node.js. Questo è un aspetto tecnico da tenere bene in mente quando lo si sceglie.
  2. Ghost CMS è un software Open Source che può essere installato, aggiornato e gestito in maniera completamente gratuita. Ghost fornisce anche un servizio che permette di dimenticarsi di tutti gli aspetti tecnici e di pensare solo alla creazione dei contenuti. Il pacchetto base parte da 9€/mese ma attenzione che se volete caricare un tema personalizzato non potete farlo perchè bisogno passare all'abbonamento da 25€/mese
  3. Per evitare il punto sopra ho scelto un Droplet di Digital Ocean che parte da 5€/mese. Attenzione che l'installazione e l'attivazione può essere complessa per i non addetti ai lavori (di seguito la guida per installare Ghost CMS con Digital Ocean)
  4. Ghost CMS non è ancora così conosciuto. Trovare informazioni alcune volte può risultare complesso. C'è però un forum di discussione ufficiale, molto utile in caso di problemi.
  5. Non è ancora possibile personalizzare il pop-up per l'iscrizione alla newsletter utilizzato di default (ho trovato un modo per farlo che sto testando, ma bisogna andare a riscrivere il core del sistema. C'è quindi da prestare la massima attenzione.)
  6. Non è possibile (e forse non lo sarà mai da quanto si legge sui comunicati ufficiali) aggiungere eventuali campi aggiuntivi come succede invece su Wordpress grazie ai Custom Fields. Con il passare del tempo potrebbe diventare un grande limite.

Al momento sono davvero soddisfatto della scelta che ho fatto. Il tema che ho sviluppato è molto performante e riesco a gestire tutto quello che mi serve.

Per chi è adatto Ghost CMS?

La risposta più giusta, come sempre, è dipende.

Consiglierei Ghost CMS a qualcuno che ha già esperienza, vuole provare qualcosa di nuovo ma sa già che non avrà bisogno di funzionalità aggiuntive.

Per tutti gli altri credo che prodotti come Wordpress o similari siano ancora la scelta più giusta.

Spero che questa introduzione a Ghost CMS ti sia stata utile. Se hai bisogno di ulteriori informazioni non esitare a contattarmi. Sono a tua completa disposizione.

Me

Ciao, sono Michele.

Se ti piace questa nota o hai qualcosa da dire, scrivimi su twitter.

Continua a leggere...