- 3 minuti

Un altra occasione persa?

Non voglio parlare di quello che è stato fatto, l'hanno già fatto in molti. Vorrei concentrarmi su ciò che non è stato fatto o che forse poteva essere fatto meglio.

È passato più di un anno dal momento in cui il COVID-19 ha cambiato la nostra vita.

Per una volta non vorrei parlare di negozi aperti/chiusi, autocertificazioni, colori delle regioni, difficoltà economiche ma vorrei concentrarmi invece su qualcosa di cui, quasi nessuno, purtroppo, parla.

Vorrei parlare di opportunità.

E questo tristissimo momento a mio modo di vedere, per alcune aziende (ma anche per le persone), poteva davvero essere una grande occasione, un momento di  riflessione e di analisi per sistemare e rivedere processi e procedure.

Non capita (per fortuna) di fermarsi per un paio di mesi e avere quindi l’occasione di riflettere su ciò che può essere migliorato, su ciò che non va e su ciò che stiamo facendo.

E questa per me rappresenta un’occasione davvero grande, che purtroppo in molti hanno perso oppure non è stata sfruttata a sufficienza.

Ma cosa poteva essere fatto?

Occupandomi principalmente di tecnologia ovviamente cercherò di concentrarmi soprattutto su questo argomento.

In questo ultimo periodo sento molti "esperti" parlare alle aziende di intelligenza artificiale, innovazione, startup e digitalizzazione.

Ma cosa mai vorrà dire tutto questo? Siamo davvero pronti a fare questo importante passo? O è l’ennesima occasione per riempirsi la bocca di belle parole che poi, puntualmente, non saranno seguite dai fatti?

Chi di noi, d'altronte, non vorrebbe:

Solo dei pazzi non sarebbero d'accordo con quanto sopra.

Ma com’è la situazione delle nostre aziende?

Parlando un po' con il sorriso (c'è da piangere in realtà 😭), direi che c'è ancora molto da fare prima di parlare di intelligenza artificiale e realtà aumentata considerando che molte attività ancora non hanno un proprio sito web e non hanno neanche una scheda di Google MyBusiness.

Ma come mai è così facile riempiersi la bocca di questi concetti (estremamente ovvio e banali) ma è così difficile portarli poi nel mondo reale, quello fatto di persone, imprese ed enti pubblici?

Perché le aziende (non tutte) fanno ancora così fatica ad avvicinarsi al digitale e a convertirsi ad un mondo che nel tempo si è evoluto?

Perché è così difficile passare dalla teoria alla pratica?

A mio modo di vedere non possiamo parlare di tutto questo fino a quando le persone non saranno istruite a sufficienza sugli aspetti (partirei da quelli elementari) del mondo dell'informatica. Manca la cultura informatica.

Le persone (non tutte ovvio) pensano che "cercare su Google" e "aprire Chrome" siano sinonimi, non conoscono le formule su Excel, non sanno come utilizzare il campo oggetto e neppure il cc in una mail. Mancano proprio le basi.

E senza queste competenze come possiamo pensare di poter parlare di strategie digitali che possono andare dall'ottimizzazione di un sito web per la ricerca, di social network, di mail, di database e di tutto il resto?

Ancora più controproducente è dire a delle persone di fare qualcosa senza che queste capiscano il perchè devono farlo. Perchè questo sposterà solo il problema un po' più in là nel tempo.

E noi continuiamo a parlare di digitalizzazione, realtà aumentata e intelligenza artificiale.

Dobbiamo ricominciare dalle basi, dobbiamo ripartire dalle cose semplici e far in modo che le persone capiscano che la tecnologia può essere un valido alleato.

Dobbiamo insegnare alle persone che la tecnologia ci può dare una grossa mano, ci può aiutare e ci può assistere in varie attività e operazioni e che queste non devono per forza corrispondere al lancio di un razzo su Marte e possono tranquillamente essere attività molto semplici come:

Parlare oggi di realtà aumentata, intelligenza artificiale e di tutto il resto penso significhi sprecare del tempo.

È l’ennesima occasione buttata al vento? Per me si. Peccato. Ma non tutto è perduto.

Se ti va, fammi sapere la tua oppure raccontami semplicemente come stai.

Ti auguro una buona settimana e ci aggiorniamo lunedì prossimo!

Ciao!

Michele

Me

Ciao, sono Michele.

Se ti piace questa nota o hai qualcosa da dire, scrivimi su twitter.

Continua a leggere...